Istituto Comprensivo Completo di Asola

Via Raffaello Sanzio, 4 - 46041 Asola (MN) • Tel. 0376 710 279 • Fax 0376 720953 • segreteria@istitutocomprensivoasola.gov.it
mnic80000x@istruzione.it • mnic80000x@pec.istruzione.it

Piano di Formazione d'Istituto

Piano di Formazione d'Istituto. Percorsi mutuabili, monte ore annuale, quota riservata alla formazione collegiale unitaria

 

PREMESSA

Il Piano Triennale di Formazione e Aggiornamento del personale docente è finalizzato all’acquisizione di competenze per l'attuazione di interventi di miglioramento e adeguamento alle nuove esigenze dell’Offerta Formativa Triennale.

Le priorità di formazione che la scuola intende adottare risultano coerenti:

  • con il Piano Nazionale di formazione del personale docente per il triennio 2016-2019 (DM 797 del 19 ottobre 2016 - in assenza di un testo aggiornato per il triennio 2019-'22);
  • con le priorità e i traguardi individuati nel RAV, con i relativi obiettivi di processo e con il Piano di Miglioramento:

 

Piano triennale

  • con il Piano di formazione interambito dell’AT di Mantova.

 

Oltre alle attività d’Istituto, è prevista la possibilità di svolgere attività individuali di formazione scelte liberamente, ma in piena aderenza ai riferimenti nazionali, al RAV, al Piano di Miglioramento e alle necessità formative individuate per questa Istituzione Scolastica.

Si riconosce e si incentiva la libera iniziativa dei docenti, da “ricondurre comunque a una dimensione professionale utili ad arricchire le competenze degli insegnanti e quindi la qualità dell’insegnamento”, come precisato dalla nota MIUR prot. n. 35 del 07/01/2016, Indicazioni e orientamenti per la definizione del piano triennale per la formazione del personale, con cui il Ministero veniva a prospettare, quali attori della formazione, il MIUR in tutte le sue articolazioni territoriali, le scuole e le loro reti.

Qui di seguito i temi riconosciuti dal collegio dei Docenti come strategici:

  • intercultura, inclusione, integrazione, competenze di cittadinanza sostenibile;
  • approccio dialogico, soft skills, abilità prosociali;
  • competenze digitali e per l’innovazione e per l’innovazione didattica e metodologica;
  • competenze linguistiche;
  • potenziamento delle competenze di base, con particolare riferimento alla lettura e alla comprensione, alle competenze logico-argomentative degli studenti e alle competenze matematiche;
  • valutazione.

Il Piano Nazionale precisa le priorità in termini di competenze da sviluppare al fine di  promuovere e sostenere la qualità della scuola:

  • A – COMPETENZE di SISTEMA
  • B – COMPETENZE PER IL 21MO SECOLO
  • C – COMPETENZE PER UNA SCUOLA INCLUSIVA

Ogni priorità, secondo il Piano, viene opportunamente traguardata attraverso interventi formativi nelle seguenti nove macroaree:

Macroaree

I bisogni formativi rilevati a livello d’Istituto, incrociati con le priorità nazionali e con le dimensioni costitutive del profilo di competenza del personale della scuola, evidenziano la necessità di una formazione che si attesti su tre fondamentali ambiti di riflessione e sperimentazione pedagogico-didattica, integrati da percorsi specifici in tema di sicurezza ai sensi del Testo Unico per la sicurezza sul lavoro D.lgs. 81/2008:

Percorsi di formazione triennio 2019-‘22

Iniziative volte a promuovere lo sviluppo professionale e organizzativo

  • secondo le priorità nazionali:

COMPETENZE

di SISTEMA

COMPETENZE

per il 21mo SECOLO

COMPETENZE

per una SCUOLA INCLUSIVA

 

  • nel contesto del Piano dell'Offerta Formativa d’Istituto:

“CON-esserci. Apprendere ad aver cura delle relazioni”

 Direzioni della formazione e discipline di riferimento:PdFormazione 2019-'22

 

L’Istituto organizza, sia singolarmente che in Rete con altre scuole, corsi di formazione che concorrono alla formazione sulle tematiche sopra individuate.

La misura minima di formazione (in termini di ore) che ciascun docente dovrà certificare a fine anno - secondo delibera del Collegio Unitario, seduta del 30 settembre 2019 - è di 25 ore di formazione annuale (computabili anche come 20 + 5 h di autoformazione, in accordo con il Dirigente Scolastico), salvo diverse indicazioni fornite dal Piano Nazionale di Formazione per la realizzazione di attività formative. Un monte ore di formazione superiore alle 25 (dalla 26esima ora) costituisce possibile requisito per bonus premiale. 

Il Piano di Formazione e Aggiornamento rappresenta un supporto utile al raggiungimento di obiettivi trasversali attinenti la qualità delle risorse umane ed è pertanto un’azione tendente a migliorare il clima nell’organizzazione, per creare condizioni favorevoli al raggiungimento degli obiettivi del PTOF oltre che al tentativo di dare corpo ad attività di confronto, di ricerca e sperimentazione previste dall’Autonomia; il Collegio dei Docenti riconosce l’attività di formazione e di aggiornamento, sia individuale che collegiale, come un aspetto irrinunciabile e qualificante della funzione docente, funzionale alla promozione dell’efficacia del sistema scolastico e della qualità dell’offerta formativa e deve essere inteso come un processo sistematico e progressivo di consolidamento delle competenze.

FINALITA’ E OBIETTIVI DEL PIANO

  • Sviluppare competenze utili al miglioramento del rapporto educativo, alla promozione degli apprendimenti, alla riflessione sulle pratiche didattiche;
  • Favorire il rinforzo della motivazione personale e della coscienza e responsabilità professionale;
  • Migliorare la comunicazione tra i docenti, aumentando contestualmente conoscenza e stima reciproca;
  • Fornire occasioni di approfondimento e aggiornamento dei contenuti delle discipline in vista della loro utilizzazione didattica.

Sono compresi nel Piano di formazione triennale dell’Istituto:

  • i corsi di formazione organizzati da MIUR, e USR per rispondere a specifiche esigenze connesse agli insegnamenti previsti dagli ordinamenti o ad innovazioni di carattere strutturale o metodologico decise dall’Amministrazione;
  • corsi proposti dal MIUR, Ufficio Scolastico Regionale, Enti e associazioni professionali, accreditati presso il Ministero, coerenti con gli obiettivi sopra enunciati;
  • corsi organizzati dalle Reti di scuole a cui l’Istituto aderisce, con particolare riferimento al Piano di Formazione d'Ambito 19;
  • gli interventi formativi, sia in autoaggiornamento sia in presenza di tutor esterni o interni, autonomamente progettati e realizzati dalla scuola a supporto dei progetti di Istituto previsti dal PTOF;
  • gli interventi formativi predisposti dal datore di lavoro e discendenti da obblighi di legge.

Per garantire l’efficacia nei processi di crescita professionale e l’efficienza del servizio scolastico offerto, il Collegio favorisce iniziative che fanno ricorso alla formazione on line e all’autoformazione.

 

anno scolastico 2019 - '20 - PRIMA ANNUALITA'

1. Iniziative di Istituto

La cura della dimensione relazionale

Approfondimenti sulle aree in cui la scuola declina l’educazione alla sostenibilità: CITTADINANZA, INTERCULTURA, AMBIENTE, SALUTE, SPORT

Formazione richiesta dall’incarico ricoperto in organigramma/funzionigramma d’Istituto

Viaggio studio

2. Piano di Formazione d’Ambito

3. Formazione liberamente scelta in base a interessi/bisogni personali/di gruppo professionale

Corsi su tematiche riconducibili all’impegno professionale

Eventi culturali (teatro, cineforum, concerti, mostre, convegni/seminari)


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.